Telegram colpito da un potente attacco DDoS - Michael Schachter incolpa la Cina

Type: News
Published: 20/06/2019
Una delle più sicure applicazioni di messaggistica, Telegram, è stata neutralizzata da un attacco informatico. In un mondo in cui i governi stranieri sono regolarmente accusati di ingerenza informatica, sorprende invece che un governo autoritario sia accusato di un massiccio attacco DDoS che ha chiuso Telegram.
La sicurezza di Telegram, infatti, si basa sulla crittografia, sui server distribuiti e su una funzione opzionale di autodistruzione dei messaggi. Quindi, il contenuto dei messaggi su Telegram dovrebbe essere abbastanza sicuro.

Quando un attacco DDoS inonda la rete, sovraccaricando l’infrastruttura - con Terabit al secondo di dati spazzatura - non importa quanto sia sicuro il servizio. Nessuno riuscirà ad accedervi! Il DDoS non riguarda solo l’interruzione del servizio, a volte viene anche utilizzato come abilitatore di altri reati informatici. Mentre i servizi (compresi gli aspetti di sicurezza della rete) sono interrotti, altri software dannosi possono essere inseriti nei dispositivi di rete con il risultato di massicce violazioni dei dati, ransomware, furto di IP e altro ancora.

In che modo il 5G influirà sugli attacchi DDoS?
Il 5G promette di migliorare di molto le comunicazioni, allo stesso però potrebbe peggiorare l'incubo DDoS.
La prevista diffusione esponenziale della larghezza di banda ad alta velocità e dell'internet degli oggetti connessi significa che, oltre alla motivazione diffusa, agli strumenti di attacco facilmente disponibili e alla proliferazione delle fonti di attacco dell'IoT, saranno possibili attacchi molto più grandi perché la "l’Autostrada del 5G" avrà molte più corsie per consentire tassi di traffico molto più elevati, sia buoni che cattivi.

Secondo la società di consulenza Frost and Sullivan è necessario focalizzarsi su due punti:
1) I Service Provider dovranno essere serviti meglio grazie ad appliance di mitigazione DDoS ad alte prestazioni e con una scalabilità sufficiente per eliminare gli attacchi, inline e in real time.

2) Una soluzione inline che fornisce funzionalità di controllo delle policy basate su DPI garantisce che i firewall e altre infrastrutture di sicurezza siano sempre protette e funzionanti.

Allot offre esattamente questo tipo di soluzione: un approccio reddiritzio che risponde alle sfide di oggi e che può essere scalato senza sforzo per gestire gli attacchi più grandi e sconosciuti di domani, proteggendo le reti CSP e Enterprise (e i loro clienti), sempre e in tempo.
Per approfondire l’aromento, leggi qui
 
 




Per maggiori informazioni:
Product Management Arrow ECS
allot.ecs.it@arrow.com
 
 
Contatti

Arrow ECS SpA
Via Lancia 6/a
39100 Bolzano
T: + 39 0471 099 100

allot.ecs.it@arrow.com