Endian 7 Passi per la connettività sicura nell‘Industria 4.0

Type: News
Published: 20/03/2019





E’ opportuno sfruttare quanto prima il potenziale dell’Industria 4.0 in modo da raggiungere o mantenere una posizione di vantaggio nella competizione sul mercato internazionale che presto si profilerà.
La maggior parte delle aziende ha già riconosciuto questa necessità, ma nella pratica, la digitalizzazione presenta ancora ostacoli e sfide tra le quali una delle principali è la privacy. Il motivo? Secondo un sondaggio di Bitkom, Associazione per l’IT Industry tedesca, nel 2017, 7 aziende su 10 sono state vittima di sabotaggio, furto di dati o spionaggio industriale nei due anni precedenti. Quando il grado di interconnessione dei macchinari è molto alto, l’infezione di un dispositivo comporta inevitabilmente la diffusione del malware all’intero network, con danni irreparabili.

Un altro motivo di cautela nel passaggio all’Industria 4.0 è la lunghezza del ciclo di vita dei macchinari. Mentre un qualsiasi dispositivo IT viene sostituito mediamente ogni 2 anni, nel mondo industriale la durata è pressoché a vita. Di conseguenza, lo scenario dei macchinari può essere spesso eterogeneo, con unità tuttora in uso ma senza predisposizione per la connessione in rete, perché sviluppate quando ancora nessuno pensava al concetto di Industria 4.0. In altri casi, è possibile invece che quese unità siano dotate delle necessarie interfacce di rete e dell’interconnessione con l’intero sistema aziendale.

Come è bene procedere in questa direzione senza compromettere, dunque, la sicurezza?
Endian propone 7 step come guida pratica per questo processo

1.Step - Connetti la tua infrastruttura in sicurezza: macchinari e sistemi devono essere connessi a internet attraverso un gateway IoT e solo i gateway equipaggiati di funzionalità di sicurezza IT completa sono adatti a questo scopo. Per proteggere i dati da manipolazione o furto durante la trasmissione, è necessaria la criptazione VPN, mentre firewall, anti-virus e intrusion prevention systems (IPS) rappresentano uno scudo contro i cyber-attacchi. I gateway più all’avanguardia integrano all’interno di un unico device una vasta gamma di funzionalità di sicurezza, per garantire una protezione attiva ed estesa.

2.Step - L’ accesso remoto a tutti i device: in questo secondo passaggio si prevede il collegamento dei macchinari alla piattaforma IoT centrale attraverso i gateway. Gli utenti hanno ora la possibilità di gestire da remoto e monitorare l’intera infrastruttura. Ad esempio, se si verifica un malfunzionamento su una macchina, il tecnico può intervenire da remoto, individuare la problematica e ripristinarla, qualora possibile. La manutenzione remota aumenta notevolmente l’efficienza dello staff di servizio.

3.Step - Gestione di utenti, processi e applicazioni: una volta che utenti e dispositivi sono controllati dalla piattaforma IoT, i vari permessi possono essere definiti assicurandoci sempre che gli strumenti siano multi-client. Stabilire adeguati permessi utente aumenterà ulteriormente il livello di sicurezza: i singoli operatori o gruppi hanno accesso esclusivamente alle applicazioni e ai dati inerenti alla loro area di responsabilità.

4.Step - Gestione centralizzata di tutte le applicazioni: in una piattaforma IoT completa non può mancare uno strumento di gestione avanzata delle applicazioni: la visualizzazione su mappa consente l’organizzazione geografica chiara delle centinaia di sistemi connessi e l’immediata percezione dello stato di ciascuno. Con questo, si intende anche la possibilità di sapere se su un determinato macchinario si stia eseguendo un’attività on-site così da poter evitare che su di esso si intervenga da remoto causando possibili incidenti. La disponbilità di template di configurazione consente, inoltre, l’aggiunta di nuovi macchinari attraverso la piattaforma di gestione IoT, con conseguente riduzione del lavoro degli amministratori di rete e significativa valorizzazione delle risorse.

5.Step - Monitorare l’infrastrutura e analizzare i dati: dopo aver stabilito l’interconnesione dei macchinari e assegnato i giusti permessi di accesso, il passo successivo prevede la raccolta dei dati provenienti dal campo e l’analisi degli stessi. Anche di questo si occupa la piattaforma IoT, che riceve un’imponente mole di Big Data e la rielabora su dashboard personalizzabili dall’utente. A seconda dello scenario di applicazione specifica, sarà possibile, ad esempio, registrare le ore di operatività di una macchina, eventuali errori o malfunzionamenti e dati sulla qualità. Innovativi strumenti di analisi determineranno l’efficacia generale della strumentazione (Overall Equipment Effectiveness OEE) e il potenziale di ottimizzazione, migliorando la produttività e semplificando l’amministrazione.

6.Step - Da Remote Maintenance a Predictive Maintenance: grazie all’analisi dei Big Data prodotti dai dispositivi distribuiti in campo, è ora possibile sfruttare gli enormi benefici della maintenance predittiva, ossia la pianificazione preventiva degli interventi secondo reale necessità. In caso di intervento programmato anticipatamente, il downtime viene ridotto al minimo, ottimizzando così produttività ed efficienza.
Un esempio concreto può essere dato dalla capacità di prevedere un guasto dalla lettura della temperatura in continuo aumento e, ancor prima, di incorrere in un costoso fermo della produzione. La velocità di un motore può essere diminuita da remoto attraverso la piattaforma IoT in modo da riportare i valori della temperatura allo stato ottimale.

7.Step - Sviluppare nuovi modelli di business per l’Industria 4.0: un’infrastruttura interconnessa e l’analisi dei dati sono gli elementi base per implementare il concetto di Industria 4.0: completati questi primi passi, le aziende avranno l’opportunità di sviluppare modelli di business innovativi e data-driven, coinvolgendo nuovi partner attraverso la piattaforma IoT.

Scaricare il Whitepaper Endian 




 
Per maggiori informazioni:
Product Management Arrow ECS
endian.ecs.it@arrow.com





 

 
Contatti

Arrow ECS SPA
+39 0471 099100
endian.ecs.it@arrow.com